CINEFORUM S. PAOLO GAY AUTUNNO: PROIEZIONE NELLA SALA ROSSA DI FILM INEDITI A TEMATICA GAY-LESBICA DAL MONDO SOTTOTITOLATI IN ITALIANO
Tutti i giovedí alle 20,30 all'ACROBAX (ex Cinodromo), via della Vasca Navale, 6 - ROMA (metro S. Paolo) [COME ARRIVARE].
Bar sul posto dalle 20, ampio parcheggio
INGRESSO A OFFERTA LIBERA

Rosie

regista: Marcel Gisler
Genere: Drammatico / Romantico
Anno: 2013
Durata: 01h 47min
Nazione: Svizzera
Lingua: Tedesco
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Anto)

FLASH: Lorenz è uno scrittore gay che vive a Berlino. All’improvviso arriva la notizia che sua madre Rosie ha avuto un malore imprevisto che lo costringe a tornare nel suo paesino natale in Svizzera. L’anziana donna però vuole sentirsi autonoma e libera di vivere a modo suo. E intanto Lorenz conosce Mario, il giovane vicino di casa di Rosie…

TRAMA COMPLETA: Lorenz è uno scrittore gay che vive a Berlino. Sebbene abbia appena pubblicato un romanzo scandaloso, dal sapore molto autobiografico, la sua vena artistica sembra essersi esaurita. All’improvviso arriva la notizia che sua madre Rosie ha avuto un malore imprevisto che lo costringe a tornare nel suo paesino natale in Svizzera. L’anziana donna, però, sembra mal adattarsi alle attenzioni del figlio: incontenibile e testarda, vuole sentirsi autonoma e libera di vivere a modo suo, senza curarsi delle raccomandazioni dei dottori di non bere e fumare. A renderle la vita difficile ci pensa anche la figlia Sophie, delusa e sposata con un uomo che non ama, e un segreto mai rivelato sul conto del marito defunto che continua ancora a gravare sull’equilibrio familiare. E intanto Lorenz s’innamora di Mario, il giovane vicino di casa di Rosie… Tra commedia e melò, pluripremiato allo Swiss Film Prize 2013, trova nella bravissima Sibylle Brunner (l’anziana protagonista) un asso nella manica. (Togay) – Avvincente dramma famigliare, ricco di relazioni e connessioni sia interne che esterne alla famiglia, con dialoghi freschi, vivaci e genuini, che si avvale di ottime interpretazioni. Un film che sembra seguire la tradizione umanistica del cinema di Fassbinder. Il film vuole essere anche un affettuoso omaggio alla madre del regista (gay dichiarato).
(cinemagay.it)
Trailer:
Alcune scene del film:

SOSTIENICI:

Copia e incolla questo codice nel tuo blog o nel tuo sito, avvertici e noi faremo altrettanto.

BANNER PICCOLO:
buzz intercultura


BANNER MEDIO:
buzz intercultura


BANNER GRANDE:
buzz intercultura